carne

Quando parliamo di carne dobbiamo premettere in primo luogo che essa fa bene ed è cosa buona e giusta farla rientrare in una dieta equilibrata e varia. Detto questo, esistono ovviamente diverse tipologie di carni e soprattutto di tagli. Le carni bianche, rispetto a quelle rosse, in generale vanno preferite in ottica di un’alimentazione sana.

Ma la domanda che in molti si fanno è: quali sono i tagli della carne più magri? Quali sono quelle parti più indicate per la nostra dieta? Pollo, coniglio, tacchino, agnello, vitello, maiale (quest’ultimo meno consigliato): sono tutte carni ottime per la nostra alimentazione, viste le qualità nutrizionali presenti in ciascuna.

I tagli magri di carne contribuiscono ad includere nella dieta tutti i nutrienti essenziali: proteine, vitamine B6 e B12, selenio e tiamina. E tutto questo senza provocare un aumento dell’apporto di grassi saturi e totali.

I migliori tagli magri

Ma fra i tagli più magri, quali scegliere? Partiamo dal pollo: petto e coscia vanno benissimo, anche se la seconda è più indicata se avete bisogno di ferro. Importante: togliete la pelle, sempre, perchè è davvero troppo grassa e se state seguendo un regime dietetico non va bene.

Parlando invece di coniglio, lombata e filetti sono i tagli da prediligere. Si tratta comunque di una carne talmente magra che va bene in ogni sua parte. Stesso discorso per il tacchino: sebbene non sia una carne particolarmente amata dagli italiani (il consumo di tacchino è sempre molto basso da noi, a differenza che in America), si tratta di un alimento sano e gustoso, ricco di nutrienti. I tagli preferibili sono petto e coscia, tra cui c’è solo una differenza nemmeno così evidente per quanto riguarda la percentuale lipidica. Anche qui però, stesso discorso del pollo: togliere la pelle!

Anche se ritenute dai più carni rosse, agnello e vitello sono carni bianche: il consumo del primo va dosato, perché molto grasso, e limitato al taglio del lombo. Per quanto riguarda il secondo, sono particolarmente indicati filetto, controfiletto e girello. Anche la fesa: è una parte della coscia e fra i tagli più magri e teneri del vitello, ricca di proteine ma leggera e digeribile. E’ un taglio particolarmente indicato per chi segue una dieta ipocalorica, e per chi fa tanto sport. La fesa è ottima per fare bistecche, spezzatino, roast-beef e scaloppine.

Un discorso a parte merita la cottura: bisogna prediligere cotture leggere, che non aggiungano troppi condimenti grassi. E’ un consiglio che vi diamo sia per la vostra dieta sia più in generale per degustare al meglio la carne. Anche se un po’ di verdure ed erbe aromatiche non ci stanno per niente male!

Seguire un regime dietetico e sano non significa rinunciare al piacere di godere della buona tavola.