La salsiccia è sicuramente uno dei piatti più famosi della tradizione culinaria italiana. Questo per diversi motivi: intanto ovviamente perché, nelle sue varie tipologie e sfaccettature, rimane un insaccato di una bontà unica. Ma non è la sua unica qualità, dal momento che risulta essere davvero molto eclettica: la salsiccia infatti si presta a moltissimi utilizzi e alle più variegate ricette. A volte è talmente buona che si può mangiare anche cruda, semplicemente con una buona pagnotta di pane croccante.

Per inquadrare questa pietanza partiamo dalle sue origini, sia dal punto di vista semantico che da quello pratico.

Salsiccia: origini

Partiamo dall’etimologia del nome “salsiccia”: sembra proprio che derivi dalla crasi tra i termini “salsus” (salato) e “insicia” (carne tagliuzzata finemente). Il dialetto di riferimento è comunque quello toscano, da cui poi si è effettivamente divulgata la parola.

Ma dove veniva utilizzata in origine? Le prime tracce di salsiccia arrivano direttamente dall’Impero romano, con tanto di riferimento letterario da parte di Cicerone in veste di “assaggiatore” ufficiale delle salsicce arrivate grazie alle importazioni in Roma di schiavi di origine lucana, ovvero l’attuale Basilicata. Quella salsiccia si chiamava Lucanica: era ovviamente la salsiccia della Lucania, e Cicerone ne parlava in maniera entusiastica. Anche Marco Terenzio Varrone parla della salsiccia del suo De Re Rustica, intessendone le lodi e descritta come “carne tritata insaccata in un budello”.

Nota bene: l’attuale Luganega, consumata specialmente nel nord Italia, non ha nulla a che vedere con la Lucanica di quel periodo: sono proprio due cose diverse, in quanto la prima è un tipo di salsiccia magra e dolce, mentre la seconda è più piccante e stagionata. Questo ci introduce alle varie distinzioni relativa alle tipologie di salsiccia.

Salsiccia: tipologie

Per fare una rassegna completa della salsicce di tutto lo Stivale, partendo dalla Valle d’Aosta per poi arrivare alla Sicilia, servirebbe pubblicare un’enciclopedia. Qui ci limiteremo a dare alcune linee guida sulle tipologie più famose. Pronti? Partiamo!

1) Luganega: ne parlavamo qualche riga più su, è sicuramente una delle più apprezzate d’Italia. Proviene dalla tradizione culinaria veneta e trentina, ed è composta da carne di suino tenera, pepe nero e aglio in polvere. Tuttavia in commercio ne esistono di varie sottotipologie realizzate con carne di vitello e cavallo. Ne esistono poi di svariate preparazioni.

2) Salamella: è una salsiccia, però un po’ “sui generis”. Si tratta di un insaccato originario della Lombardia. E’ Mantova il “feudo” della salamella, che viene preparata con pancetta e spalle del maiale, e mangiata solo cotta. Il must prima di andare a vedere una partita allo stadio? Panino con la salamella ovviamente!

3) Salsiccia punta di coltello: qui ci spostiamo decisamente verso il Sud Italia, in particolare in Campania, Calabria e Sicilia. Si tratta di un insaccato preparato con il culatello e il pancettone, speziato con finocchio e cumino. Non può essere mangiata cruda, la “morte sua” è la griglia.

4) Salsiccia toscana: è forse la più morbida del lotto, questo perché viene composta utilizzando spalla e coscia del maiale. E’ insaporita con aglio, pepe nero, timo, rosmarino e salvia (ma ogni paese e vallata ci inserisce qualche elemento fantasioso in più).

Vuoi ricevere altre ricette sfiziose, consigli, promozioni e novità? Inserisci i tuoi dati